Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riparte alla grande la produzione statunitense di petrolio di scisto
20/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il barile è tornato dalla fine di ottobre sopra i 60 dollari, i pozzi di petrolio di scisto sono tornati redditizi. E a differenza dei megaprogetti offshore o nelle regioni artiche, tra la prima trivellazione di un pozzo e l’entrata in produzione passano in media tra uno e tre mesi solamente. La produzione statunitense è ripartita dall’inizio dello scorso autunno. Tra settembre e novembre è aumentata di 846 mila barili al giorno. A questi ritmi la produzione di greggio degli Usa supererà ben presto quella dell’Arabia Saudita, nota l’Aie, l’Agenzia internazionale dell’energia. Entro la fine dell’anno gli Usa dovrebbero anche soppiantare la Russia e diventare numero uno mondiale. Un primato già conquistato se si considerano tutti gli oli, settore in cui gli Usa sono già numero uno da diversi anni.

Fonte: ItaliaOggi – red. (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]