Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riparte alla grande la produzione statunitense di petrolio di scisto
20/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il barile è tornato dalla fine di ottobre sopra i 60 dollari, i pozzi di petrolio di scisto sono tornati redditizi. E a differenza dei megaprogetti offshore o nelle regioni artiche, tra la prima trivellazione di un pozzo e l’entrata in produzione passano in media tra uno e tre mesi solamente. La produzione statunitense è ripartita dall’inizio dello scorso autunno. Tra settembre e novembre è aumentata di 846 mila barili al giorno. A questi ritmi la produzione di greggio degli Usa supererà ben presto quella dell’Arabia Saudita, nota l’Aie, l’Agenzia internazionale dell’energia. Entro la fine dell’anno gli Usa dovrebbero anche soppiantare la Russia e diventare numero uno mondiale. Un primato già conquistato se si considerano tutti gli oli, settore in cui gli Usa sono già numero uno da diversi anni.

Fonte: ItaliaOggi – red. (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]