Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I rincari di greggio e dollaro favoriscono la corsa dell’energia
28/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Risultati strepitosi per le esportazioni italiane di energia fuori dalla Ue. L’export energetico italiano cresce in modo importante, ma quel +26,3% calcolato dall’Istat è una crescita in valore, non c’è una pari crescita in quantità. Una parte di questi risultati è dovuta ai prezzi del greggio, che sono cresciuti e hanno reso più appariscenti gli scambi di prodotti energetici. Ieri l’Istat ha comunicato l’andamento degli scambi avvenuti in gennaio dall’Italia con i Paesi che non fanno parte dell’Unione europea: +19,7% in valore rispetto al gennaio 2016. La crescita più forte è per il comparto dell’energia (+64,8% in valore rispetto a un anno fa). E c’è stata una crescita ancora più forte, quasi un raddoppio, per le importazioni (+72,5% in valore rispetto al gennaio 2016).

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & territori – J. G (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]