Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I rincari di greggio e dollaro favoriscono la corsa dell’energia
28/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Risultati strepitosi per le esportazioni italiane di energia fuori dalla Ue. L’export energetico italiano cresce in modo importante, ma quel +26,3% calcolato dall’Istat è una crescita in valore, non c’è una pari crescita in quantità. Una parte di questi risultati è dovuta ai prezzi del greggio, che sono cresciuti e hanno reso più appariscenti gli scambi di prodotti energetici. Ieri l’Istat ha comunicato l’andamento degli scambi avvenuti in gennaio dall’Italia con i Paesi che non fanno parte dell’Unione europea: +19,7% in valore rispetto al gennaio 2016. La crescita più forte è per il comparto dell’energia (+64,8% in valore rispetto a un anno fa). E c’è stata una crescita ancora più forte, quasi un raddoppio, per le importazioni (+72,5% in valore rispetto al gennaio 2016).

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & territori – J. G (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]