Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I rincari di greggio e dollaro favoriscono la corsa dell’energia
28/02/2017 - Pubblicato in news nazionali

Risultati strepitosi per le esportazioni italiane di energia fuori dalla Ue. L’export energetico italiano cresce in modo importante, ma quel +26,3% calcolato dall’Istat è una crescita in valore, non c’è una pari crescita in quantità. Una parte di questi risultati è dovuta ai prezzi del greggio, che sono cresciuti e hanno reso più appariscenti gli scambi di prodotti energetici. Ieri l’Istat ha comunicato l’andamento degli scambi avvenuti in gennaio dall’Italia con i Paesi che non fanno parte dell’Unione europea: +19,7% in valore rispetto al gennaio 2016. La crescita più forte è per il comparto dell’energia (+64,8% in valore rispetto a un anno fa). E c’è stata una crescita ancora più forte, quasi un raddoppio, per le importazioni (+72,5% in valore rispetto al gennaio 2016).

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & territori – J. G (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]