Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ridisegnato il risiko globale dell’energia
16/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti sono diventati il primo Paese al mondo nella produzione di greggio e di gas naturale. La Cina, d’altra parte, è il principale consumatore di energia mondiale. Una partnership commerciale sulle fonti energetiche è lo scenario naturale tra le due prime super potenze mondiali. Una collaborazione che si è bloccata in questi 20 mesi di guerra dei dazi. L’impegno cinese di acquistare dagli Usa energia per 52,4 miliardi di dollari è una “win win situation”, che aiuta entrambi. Pechino ha bisogno di petrolio e gas per far crescere la sua economia e la sua produzione industriale energivora. Washington ha necessità di vendere il suo gas e il suo petrolio così come le materie prime petrolchimiche. L’accordo siglato da Trump ridisegna così il risiko della politica energetica mondiale, rilanciando l’export statunitense di Lng e petrolio che era crollato sulla scia della guerra dei dazi. Gli Usa scommettono sulla produzione di Lng, che compresso può essere esportato con le navi: Qatar e Australia sono i leader del mercato, ma gli Usa nei prossimi 5 anni puntano a superare entrambi. La pax commerciale firmata alla Casa Bianca riapre anche la partita degli investimenti energetici cinesi negli Usa.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Riccardo Barlaam (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]