Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Record Usa nel petrolio. È testa a testa con Mosca
19/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti sono già da tempo il maggior produttore mondiale di gas. Ora grazie allo shale oil stanno per strappare alla Russia anche il primato nel petrolio: per la prima volta nella storia Washington la settimana scorsa ha estratto 11 milioni di barili di greggio al giorno. Mosca oggi è tornata a produrre circa 11,2 mbg, ma solo perché ha cominciato a riaprire i rubinetti, attenuando i tagli concordati con l’Opec. Anche l’Arabia Saudita, messa sotto pressione da Donald Trump, ha accelerato fortemente le estrazioni, riportando l’output a 10,5 mbg in giugno. Riad tuttavia non ha mai raggiunto quota 11 mbg. Il dato sulla produzione americana potrebbe essere impreciso. In passato l’Energy Information Administration ha spesso corretto le statistiche settimanali, che si basano in parte su stime. Le ultime statistiche mensili, considerate più attendibili, risalgono ad aprile e indicano un output di 10,5 mbg: un risultato eccezionale per la rapidità con cui è stato raggiunto. Grazie alla ripresa delle quotazioni del greggio, che ha incoraggiato le attività di fracking, gli Usa hanno aumentato la produzione di oltre 1,3 mbg nel giro di un anno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]