Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rally del petrolio con ipotesi tagli
03/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entità. Infatti le quotazioni del Brent si sono impennate del 47% nel corso della seduta, anche se in seguito si sono riportate poco sotto i 30$. Non sarà facile arrivare a un risultato concreto: non si sa ancora con precisione quali Stati siano disposti a chiudere i rubinetti, né come si ripartiranno i sacrifici e quando lo faranno. Donald Trump ha annunciato con due tweet in cui prefigura da parte di russi e sauditi tagli “ di circa 10 milioni di barili” che “potrebbero salire a 15 milioni”. Da Riad, l’Arabia Saudita chiede la convocazione di un vertice d’emergenza con la Russia, il resto della coalizione OpecPlus e un “gruppo di altri Paesi”, con l’obiettivo di “raggiungere una soluzione equa per ricostruire l’equilibrio desiderato sul mercato del petrolio”. E’ chiaro se Riad chiuderà i rubinetti solo se faranno anche tutti gli altri che stavolta la categoria non comprende solo i vecchi alleati, ma anche gli Usa e magari il Canada, il Brasile e il Messico. Trump, oltre che lavorare sul piano diplomatico, aveva già in programma di varare misure a sostegno dell’industria petrolifera Usa. Centinaia di frakers sono sull’orlo del fallimenti. Non è detto comunque che ci voglia per forza un’OpecPlus allargata. La domanda di greggio ridotta al lumicino, i prezzi troppo bassi e lo spazio di stoccaggio vicino ad esaurirsi stanno già costringendo il mercato ad adeguarsi, con una sorta di selezione darwiniana che ha già colpito i produttori più deboli e isolati.

Fonte: Il Sole 24 Ore - Sissi Bellomo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]