Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rally del petrolio con ipotesi tagli
03/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entità. Infatti le quotazioni del Brent si sono impennate del 47% nel corso della seduta, anche se in seguito si sono riportate poco sotto i 30$. Non sarà facile arrivare a un risultato concreto: non si sa ancora con precisione quali Stati siano disposti a chiudere i rubinetti, né come si ripartiranno i sacrifici e quando lo faranno. Donald Trump ha annunciato con due tweet in cui prefigura da parte di russi e sauditi tagli “ di circa 10 milioni di barili” che “potrebbero salire a 15 milioni”. Da Riad, l’Arabia Saudita chiede la convocazione di un vertice d’emergenza con la Russia, il resto della coalizione OpecPlus e un “gruppo di altri Paesi”, con l’obiettivo di “raggiungere una soluzione equa per ricostruire l’equilibrio desiderato sul mercato del petrolio”. E’ chiaro se Riad chiuderà i rubinetti solo se faranno anche tutti gli altri che stavolta la categoria non comprende solo i vecchi alleati, ma anche gli Usa e magari il Canada, il Brasile e il Messico. Trump, oltre che lavorare sul piano diplomatico, aveva già in programma di varare misure a sostegno dell’industria petrolifera Usa. Centinaia di frakers sono sull’orlo del fallimenti. Non è detto comunque che ci voglia per forza un’OpecPlus allargata. La domanda di greggio ridotta al lumicino, i prezzi troppo bassi e lo spazio di stoccaggio vicino ad esaurirsi stanno già costringendo il mercato ad adeguarsi, con una sorta di selezione darwiniana che ha già colpito i produttori più deboli e isolati.

Fonte: Il Sole 24 Ore - Sissi Bellomo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]

Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”
[leggi tutto…]