Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Raffinerie a rischio dopo gli accordi sul clima
03/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Potrebbero essere le raffinerie piuttosto che la produzione di petrolio e gas, a pagare il prezzo più alto in un mondo decarbonizzato. Le politiche contro il cambiamento climatico minacciano di dimezzare entro il 2035 i margini operativi nel settore, mettendo a rischio un quarto degli impianti. È quanto emerge da uno studio realizzato da Carbon Tracker con Wood Mackenzie, il fondo pensione danese Ap7 e quello olandese Pka, che per la prima volta ha approfondito in modo specifico il potenziale impatto degli Accordi di Parigi sul downstream petrolifero. Sono state analizzate ben 492 raffinerie, il 94% del totale, effettuando proiezioni in base allo Scenario 450 dell’Agenzia internazionale dell’Energia (Aie), secondo cui le misure per contenere a 2° C il rialzo della temperatura comporteranno un picco della domanda di greggio nel 2020, seguito da un declino dell’1,3% annuo fino al 2035. Il risultato è drammatico, anche se la stessa Carbon Tracker invita a «non prenderlo come una previsione precisa», considerato il gran numero di variabili in gioco (in primis di ordine politico). L’indicazione comunque è chiara: bisognerebbe «diffidare di tutti i nuovi investimenti in raffinazione, che si tratti di costruzione di nuova capacità oppure dell’ammodernamento o espansione di impianti esistenti», poiché c’è «il rischio di non ottenere un adeguato ritorno, sprecando capitale».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]