Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Le raffinerie all’origine di possibili nuovi rincari
01/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sono i prezzi dell’energia che permettono all’inflazione di mantenersi sopra lo striminzito 1%, in particolare quelli dei carburanti. Rispetto all’agosto 2016, i prezzi della materia prima greggio sono superiori di circa il 10% a 52 dollari per barile. Tuttavia, negli ultimi giorni, con l’arrivo dell’uragano Harvey, la benzina segna ulteriori aumenti, mentre il greggio cala verso i 50 dollari. La East Coast dovrà approvvigionarsi ora anche dall’Europa, come non accadeva da anni, e ciò ha innescato rialzi dei prezzi internazionali che si scaricheranno nei prossimi giorni su quelli alla pompa in Italia. La domanda di greggio, invece, proprio per le minore lavorazioni americane, scende e accentua l’eccesso di offerta che deriva dalle scorte alte e dal recente aumento della produzione Opec. Prezzi della benzina che salgono e materia prima in calo fanno esplodere i margini di raffinazione. Chi ci guadagna sono i raffinatori europei, fra cui le nostre grandi raffinerie vocate all’esportazione, Saras in Sardegna, Lukoil, Esso e Milazzo in Sicilia.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Davide Tabarelli (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]