Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Quei finti fallimenti delle compagnie energetiche Usa
25/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Potranno anche essere in bancarotta, ma le tentacolari miniere del Powder River Basin in Wyoming continuano a sfornare carbone. Ed è lo stesso per i campi petroliferi del Golfo e i pozzi di shale gas sulle Montagne Rocciose. Gli investitori del settore energetico hanno a lungo sperato che il calo delle quotazioni sarebbe stato la giusta soluzione, inducendo i produttori al fallimento e arrestando così l’eccesso di offerta. Invece i fallimenti hanno a malapena avuto un impatto sui mercati dei combustibili fossili. Nel 2015-2016 circa 70 compagnie petrolifere e del gas Usa si sono sottoposte alla procedura fallimentare. Ma, secondo Wood Mackenzie, quasi nulla è cambiato dopo la bancarotta: attualmente producono 1 milione di barili al giorno, il 5% dell’output americano. E tale resilienza ha mantenuto i prezzi vincolati. La teoria secondo cui i fallimenti avrebbero contribuito a equilibrare il mercato «era sbagliata in partenza», conclude Roy Martin, analista di Wood Mackenzie. Questo è proprio il modo in cui il Chapter 11 doveva funzionare. Il processo è stato progettato per salvare le aziende salvabili e molte compagnie energetiche lo stanno sfruttando per alleggerire il carico debitorio, adeguarsi ai periodi di magra e continuare a produrre. Peabody Energy, Arch Coal e Alpha Natural Resources, tre dei più grandi estrattori di carbone degli Usa, negli ultimi 18 mesi hanno dato avvio alla procedura fallimentare. Nella prima metà del 2015 rappresentavano il 36% della fornitura di carbone a stelle e strisce, quest’anno la loro quota è quasi invariata al 33%. «È frustrante», commenta Adam Wise, ad di John Hancock Financial Services. «Molte di queste aziende operano con le stesse modalità precedenti la bancarotta o quasi».

Fonte: MF – John W. Miller, Timothy Puko (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]