Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Qatar lascia l’Opec: sale lo scontro con l’Arabia Saudita
04/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Opec perde il Qatar, un membro storico dell’Organizzazione degli esportatori di greggio (vi era entrato nel 1961), ma guadagna un’insperata collaborazione dal Canada che contribuirà a ridurre il surplus di petrolio con un consistente taglio di produzione. Grazie anche alla tregua Usa-Cina sui dazi, Brent e Wti ieri hanno recuperato terreno, arrivando a guadagnare oltre il 5% in alcune fasi. Sull’andamento del mercato ha influito poco o nulla l’annuncio shock del Qatar, a differenza delle notizie del Canada: la provincia di Alberta ha infatti imposto alle compagnie locali una riduzione dell’output di 325 mila barili al giorno. L’addio del Qatar è giustificato dal volersi concentrare sull’industria del gas, implementando il piano di crescita della produzione di Gnl da 77 a 110 milioni di tonnellate l’anno Naturalmente, dietro ci sono motivazioni di ordine politico, soprattutto alla luce del fatto che Doha subisce un embargo economico da parte di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Egitto. Le aspettative su un accordo al vertice Opec Plus sono migliorate dopo l’incontro a margine del G20 tra Putin e il principe saudita Bin Salman: Mosca e Riad sono pronte ad estendere la loro collaborazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Mondo – Sissi Bellomo (pag.21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]