Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Putin cede a Glencore e qatar il 20% di Rosneft
08/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il governo russo ha annunciato ieri sera la chiusura della privatizzazione del 19,5% del colosso petrolifero pubblico Rosneft. Stando a quanto riferito dal portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, il presidente di Rosneft, Igor Sechin, ha informato il presidente Vladimir Putin «del completamento dell’accordo di privatizzazione del 19,5% delle quote della più grande compagnia petrolifera russa, Rosneft». Parlando alla stampa, Peskov ha precisato che gli investitori sono Glencore Consortium e il fondo sovrano del Qatar, e che l’operazione porterà alle casse del Cremlino 10,5 miliardi di euro. Si apre quindi con questa operazione un asse tra Russia e Qatar che potrebbe avere sviluppi interessanti in termini geo-politici anche nel caldissimo scacchiere mediorientale.Il governo russo ha annunciato ieri sera la chiusura della privatizzazione del 19,5% del colosso petrolifero pubblico Rosneft. Stando a quanto riferito dal portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, il presidente di Rosneft, Igor Sechin, ha informato il presidente Vladimir Putin «del completamento dell’accordo di privatizzazione del 19,5% delle quote della più grande compagnia petrolifera russa, Rosneft». Parlando alla stampa, Peskov ha precisato che gli investitori sono Glencore Consortium e il fondo sovrano del Qatar, e che l’operazione porterà alle casse del Cremlino 10,5 miliardi di euro. Si apre quindi con questa operazione un asse tra Russia e Qatar che potrebbe avere sviluppi interessanti in termini geo-politici anche nel caldissimo scacchiere mediorientale.

Fonte: MF – Luciano Mondellini (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]