Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Chi può correre ancora dopo la riscossa del barile
31/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Da inizio anno il prezzo del petrolio ha guadagnato il 35%, ma dai minimi 2016 il rialzo è addirittura dell’86%. Una reazione che segue però due anni di vacche magre: nel 2015 il ribasso fu del 35%, nel 2014 addirittura del 49%. Se gli automobilisti non hanno da festeggiare per il recupero dei prezzi del greggio, sorridono invece gli azionisti delle società del settore oil che sono riuscite a risalire la china. I petroliferi puri appartenenti all’indice Stoxx 600, che riunisce le principale società quotate nel Vecchio  continente, da inizio anno guadagnano in media oltre il 12%, facendo decisamente meglio del listino nel suo complesso: -7%. Ma scorrendo la lista dei titoli, non mancano casi in cui la performance supera il 30%: Neste Corporation +40,3%, Bp +37,8%, Lundin Petroleum +32,7%. Indietro Eni. Il nostro campione nazionale non raggiunge ancora la parità da inizio anno. Un risultato che sconta la debolezza del listino italiano in generale, in rosso di quasi il 30% da gennaio a oggi, e le incertezze sul Paese in attesa dell’esito del referendum costituzionale.

Fonte: Corriere della Sera, Corriereconomia – Adriano Barrì (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]