Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Primo stop al rally del petrolio
07/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver avviato la giornata in netto rialzo, trascinati dall’intensificarsi del clima di tensione tra Usa e Iran, nella serata di ieri i prezzi del petrolio sono rimasti stabili a 63 dollari al barile e il Brent a 68,5 dollari. Secondo gli esperti non è scontato che la conseguenza dell’attacco Usa contro l’Iran sia l’interruzione delle forniture di petrolio. Tuttavia, il mercato petrolifero dovrebbe vedere un surplus di offerta nella prima metà del 2020 ma ogni difficoltà di trasporto può cambiare la situazione molto rapidamente. Secondo Ing “ogni deficit nella fornitura significherebbe la fine dei tagli alla produzione da parte dell’Opec e dei suoi alleati”. Inoltre, secondo Mediobanca, nuove potenziali sanzioni potrebbero ostacolare in modo significativo la capacità dell’Iraq di continuare le esportazioni verso i mercati internazionali, con un impatto significativo sul prezzo.  

Fonte: MF – Manuela Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]