Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Primo stop al rally del petrolio
07/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver avviato la giornata in netto rialzo, trascinati dall’intensificarsi del clima di tensione tra Usa e Iran, nella serata di ieri i prezzi del petrolio sono rimasti stabili a 63 dollari al barile e il Brent a 68,5 dollari. Secondo gli esperti non è scontato che la conseguenza dell’attacco Usa contro l’Iran sia l’interruzione delle forniture di petrolio. Tuttavia, il mercato petrolifero dovrebbe vedere un surplus di offerta nella prima metà del 2020 ma ogni difficoltà di trasporto può cambiare la situazione molto rapidamente. Secondo Ing “ogni deficit nella fornitura significherebbe la fine dei tagli alla produzione da parte dell’Opec e dei suoi alleati”. Inoltre, secondo Mediobanca, nuove potenziali sanzioni potrebbero ostacolare in modo significativo la capacità dell’Iraq di continuare le esportazioni verso i mercati internazionali, con un impatto significativo sul prezzo.  

Fonte: MF – Manuela Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]