Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Primo danno collaterale della politica di Mosca
10/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

Per Saipem è stata un’altra giornata difficile in Borsa tanto che, nel corso della seduta di ieri, è arrivata anche a perdere il 6 per cento (risultato finale -2,34 per cento). Ad innescare il nuovo tonfo è stato l’annuncio, ieri mattina, che la società guidata da Stefano Cao aveva ricevuto, nella tarda serata di mercoledì, la notifica della “termination for convenience” del contratto South Stream. Si tratta di una clausola contrattuale standard che prevede la possibilità di recedere dall’accordo in assenza di violazioni dello stesso, a fronte di un compenso in coerenza con i termini e le condizioni del contratto. Nel risiko dei gasdotti Atene si sta prestando a reggere il gioco dei russi, a costo di guastare ulteriormente i rapporti con la Commissione europea. ma anche il Turkish Stream potrebbe non essere mai costruito. Mosca, invece, assicura che i lavori per il gasdotto, sostituto del progetto South Stream, andranno avanti: Gazprom afferma che cercherà qualcun’ altro a ci affidare la posa dei tubi nel Mar Nero.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & mercati 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]