Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Con i prezzi in ripresa lo shale oil rialza la testa
11/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Le vendite sui mercati finanziari non hanno risparmiato nemmeno il petrolio, che nella giornata di venerdì ha perso circa il 3% per concludere a 50,54 $/barile nel caso del Brent e a 49,07 $ nel caso del Wti. L’ascesa del dollaro ha certamente penalizzato anche il greggio, che nonostante il ribasso di venerdì è comunque riuscito a mettere in fila 5 settimane consecutive di rialzo: una serie positiva che non si ripeteva da febbraio 2012. A mettere un freno alle quotazioni, tuttavia, non è stata solo la forza del biglietto verde. Comincia infatti ad affacciarsi il timore che il recente rally possa davvero rilanciare lo shale oil negli Stati Uniti. Il numero delle trivelle per l’estrazione di petrolio è di nuovo aumentato questa settimana: ne sono state rimesse in funzione altre 3, segnala Baker Hughes, dopo le 9 aggiunte la settimana scorsa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]