Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Con i prezzi in ripresa lo shale oil rialza la testa
11/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Le vendite sui mercati finanziari non hanno risparmiato nemmeno il petrolio, che nella giornata di venerdì ha perso circa il 3% per concludere a 50,54 $/barile nel caso del Brent e a 49,07 $ nel caso del Wti. L’ascesa del dollaro ha certamente penalizzato anche il greggio, che nonostante il ribasso di venerdì è comunque riuscito a mettere in fila 5 settimane consecutive di rialzo: una serie positiva che non si ripeteva da febbraio 2012. A mettere un freno alle quotazioni, tuttavia, non è stata solo la forza del biglietto verde. Comincia infatti ad affacciarsi il timore che il recente rally possa davvero rilanciare lo shale oil negli Stati Uniti. Il numero delle trivelle per l’estrazione di petrolio è di nuovo aumentato questa settimana: ne sono state rimesse in funzione altre 3, segnala Baker Hughes, dopo le 9 aggiunte la settimana scorsa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]