Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Con i prezzi in ripresa lo shale oil rialza la testa
11/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Le vendite sui mercati finanziari non hanno risparmiato nemmeno il petrolio, che nella giornata di venerdì ha perso circa il 3% per concludere a 50,54 $/barile nel caso del Brent e a 49,07 $ nel caso del Wti. L’ascesa del dollaro ha certamente penalizzato anche il greggio, che nonostante il ribasso di venerdì è comunque riuscito a mettere in fila 5 settimane consecutive di rialzo: una serie positiva che non si ripeteva da febbraio 2012. A mettere un freno alle quotazioni, tuttavia, non è stata solo la forza del biglietto verde. Comincia infatti ad affacciarsi il timore che il recente rally possa davvero rilanciare lo shale oil negli Stati Uniti. Il numero delle trivelle per l’estrazione di petrolio è di nuovo aumentato questa settimana: ne sono state rimesse in funzione altre 3, segnala Baker Hughes, dopo le 9 aggiunte la settimana scorsa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]