Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I prezzi e la guerra dei dazi frenano la domanda di petrolio
05/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Oltre alle forniture extra promesse dall’Arabia Saudita e dalla Russia, c’è un altro fattore che nei prossimi mesi potrebbe raffreddare il prezzo del petrolio. La domanda, dopo anni di crescita record, inizia a mostrare segnali di debolezza. Ed è una notizia di cui non c’è da rallegrarsi. A sostenere la crescita dei consumi petroliferi sono stati finora soprattutto la buona salute dell’economia globale e i costi ridotti. Il Brent è rincarato di quasi il 70% nell’ultimo anno, arrivando a 80 dollari al barile, e i rincari hanno cominciato a trasmettersi a valle, con bollette e pieni di carburanti più salati in tutto il mondo. Intanto le guerre commerciali iniziano a pesare sugli scambi. Siamo solo agli inizi. Domani gli Usa dovrebbero imporre nuovi dazi per 34 miliardi di dollari contro la Cina; Pechino ha già approntato ritrorsioni, minacciando di colpuire in futuro anche il petrolio americano. Gli acquisti cinesi di greggio Usa stanno già rallentando. Tra maggio  e giugno l’import asiatico è tornato ai livelli del 2016: 19,3 mbg in media, contro i 20,2 mbg di un anno fa. La contrazione è legata anche al crollo dei margini di raffinazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]