Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I prezzi e la guerra dei dazi frenano la domanda di petrolio
05/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Oltre alle forniture extra promesse dall’Arabia Saudita e dalla Russia, c’è un altro fattore che nei prossimi mesi potrebbe raffreddare il prezzo del petrolio. La domanda, dopo anni di crescita record, inizia a mostrare segnali di debolezza. Ed è una notizia di cui non c’è da rallegrarsi. A sostenere la crescita dei consumi petroliferi sono stati finora soprattutto la buona salute dell’economia globale e i costi ridotti. Il Brent è rincarato di quasi il 70% nell’ultimo anno, arrivando a 80 dollari al barile, e i rincari hanno cominciato a trasmettersi a valle, con bollette e pieni di carburanti più salati in tutto il mondo. Intanto le guerre commerciali iniziano a pesare sugli scambi. Siamo solo agli inizi. Domani gli Usa dovrebbero imporre nuovi dazi per 34 miliardi di dollari contro la Cina; Pechino ha già approntato ritrorsioni, minacciando di colpuire in futuro anche il petrolio americano. Gli acquisti cinesi di greggio Usa stanno già rallentando. Tra maggio  e giugno l’import asiatico è tornato ai livelli del 2016: 19,3 mbg in media, contro i 20,2 mbg di un anno fa. La contrazione è legata anche al crollo dei margini di raffinazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]