Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pressioni americane sull’Opec. Petrolio ai minimi da un mese
06/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

A oltre un mese dal messaggio in cui il presidente americano accusava l’Opec di mantenere i prezzi del petrolio “artificialmente molto alti”, gli Stati Uniti continuano a spingere per ottenere un’attenuazione dei tagli produttivi. L’Arabia Saudita e altri Paesi membri del gruppo sono stati contattati dall’amministrazione Usa, che sta chiedendo secondo Bloomberg un incremento di produzione di un milione di barili al giorno. L’Arabia Saudita e il principale alleato non Opec, la Russia, un paio di settimane fa si erano dette pronte ad aumentare gradualmente l’offerta di greggio. Le interferenze di Washington promettono di essere un tema scottante al prossimo vertice dell’Opec, il 22 giugno a Vienna. Tuttavia le azioni concrete di Riad per ora smentiscono il sospetto di un’eccessiva condiscendenza.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]