Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Sulle politiche per energia e clima nessun indietreggiamento”
12/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il ministro Calenda, intervistato in merito al mancato accordo del G7 ha affermato che il passo indietro degli Usa non è un fallimento perché sei Paesi su sette, e l’Unione europea, hanno ribadito in modo fermo la loro volontà di rispettare gli obiettivi. Si è preso atto invece che l’amministrazione Trump sta rivedendo molte delle sue politiche, tra cui quelle legate al cambiamento climatico e all’Accordo di Parigi. I dirigenti Ue hanno lasciato aperta la porta in modo che nel prossimo vertice a Taormina la nuova amministrazione possa pronunciarsi su questa tematica. In merito al gasdotto Tap, il ministro ha confermato l’importanza strategica del gas

per ridurre le emissioni e accompagnare il phase out del carbone. Rimarrà un’energia di transizione finché non sarà risolto il problema dell’intermittenza delle energie rinnovabili. Il Tap da questo punto di vista è cruciale per la sicurezza energetica italiana, anche perché rappresenta una diversificazione delle fonti. Poiché la dipendenza europea delle forniture di gas dalla Russia resta notevole, è fondamentale promuovere nuove fonti di approvvigionamento, come il progetto di gasdotto EastMed da Israele, e le possibilità di far arrivare in Europa carichi di Gnl dagli Usa e in futuro anche dal Canada.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Carmine Fotina (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]