Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Da politica e clima i rischi per la ripresa
05/02/2020 - Pubblicato in news internazionali

Secondo il rapporto 2020 Coface, presentato ieri, l’economia resta dominata da incertezze ora esacerbate dall’epidemia del coronavirus e rimarrà debole. Soprattutto in Italia dove, spiega la società francese di assicurazione e credito all’export, “la crescita, come di consueto, brillerà per la sua assenza”. Le previsioni economiche di Coface non sono brillanti: l’accordo Usa-Cina non sarà sufficiente a ridurre le tensioni commerciali, anche perché “la maggior parte del protezionismo – ha spiegato il capo economista julien Marcilly – viene da altri Paesi”. A preoccupare Coface è però soprattutto il rischio sociale e quello geopolitico, che aumenta la volatilità delle materie prime: “Dell’agroalimentare, del petrolio e dei metalli”. Non meno importanti i rischi ambientali. Coface ricorda il possibile aumento delle catastrofi naturali e maggiori “rischi di transizione” verso regolamentazioni più rigide, soprattutto nel trasporto marittimo, nell’automotive, nella chimica, nelle costruzioni, nell’energia e nel tessile.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Riccardo Sorrentino (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]