Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Più lontano il sogno di rifornirci di petrolio e gas “made in Usa”
17/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Poter acquistare petrolio e gas dagli Stati Uniti, piuttosto che dalla Russia o dalle instabili regioni di Medio Oriente e Nord Africa, era un sogno accarezzato da molti in Europa. Ma la prospettiva di ricevere forniture consistenti dagli alleati americani si sta allontanando sempre di più. Il tentativo di cancellare il vecchio divieto di esportazione del greggio americano - che già aveva poche chance di successo – appare decisamente velleitario dopo la presa di posizione della Casa Bianca, che rompendo un lungo silenzio sulla questione martedì si è schierata contro l’ipotesi di un’abrogazione da parte del Parlamento. Nel frattempo la neonata industria americana del Gnl rischia di essere soffocata in culla, non dalla politica, bensì dalle leggi di mercato. Il Gnl americano ha infatti già perso il vantaggio competitivo sui mercati internazionali.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]