Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Piattaforme offshore, il Mise sul “fine vita”
23/07/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Il ministero dello Sviluppo economico sta lavorando per l'adozione di un nuovo programma di decommissioning delle piattaforme offshore inattive, che tenga conto dell'attuale situazione dei mari italiani, dopo le campagne di dismissione delle strutture in mare effettuate negli anni 1990, 1995 e 2000 e 2005. E’ quanto affermato da sottosegretario allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, rispondendo a un'interrogazione del deputato PD Dario Ginefra in commissione Attività produttive alla Camera. L'interrogazione verteva sui controlli e le garanzie in merito al “fine vita” delle piattaforme per l'estrazione di idrocarburi in mare. Il Mise, ha aggiunto, procede periodicamente a effettuare la ricognizione delle strutture esistenti, a individuare quelle che possono essere dismesse nel breve periodo, in quanto giunte al termine della propria vita produttiva, e quelle che invece richiedono ulteriori valutazioni, per poi definire i relativi programmi di decommissioning, tenendo conto della normativa nazionale ed europea esistente in materia. Quanto alle cauzioni per evitare che i costi di bonifica possano ricadere sullo Stato, Scalfarotto ha fatto notare che sono già previste a legislazione vigente misure adeguate per coprire i costi del ripristino ambientale finale e che tali costi sono a carico degli operatori.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]