Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Piattaforme offshore, il Mise sul “fine vita”
23/07/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Il ministero dello Sviluppo economico sta lavorando per l'adozione di un nuovo programma di decommissioning delle piattaforme offshore inattive, che tenga conto dell'attuale situazione dei mari italiani, dopo le campagne di dismissione delle strutture in mare effettuate negli anni 1990, 1995 e 2000 e 2005. E’ quanto affermato da sottosegretario allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, rispondendo a un'interrogazione del deputato PD Dario Ginefra in commissione Attività produttive alla Camera. L'interrogazione verteva sui controlli e le garanzie in merito al “fine vita” delle piattaforme per l'estrazione di idrocarburi in mare. Il Mise, ha aggiunto, procede periodicamente a effettuare la ricognizione delle strutture esistenti, a individuare quelle che possono essere dismesse nel breve periodo, in quanto giunte al termine della propria vita produttiva, e quelle che invece richiedono ulteriori valutazioni, per poi definire i relativi programmi di decommissioning, tenendo conto della normativa nazionale ed europea esistente in materia. Quanto alle cauzioni per evitare che i costi di bonifica possano ricadere sullo Stato, Scalfarotto ha fatto notare che sono già previste a legislazione vigente misure adeguate per coprire i costi del ripristino ambientale finale e che tali costi sono a carico degli operatori.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rissa sulle riserve di gas a Cipro

Al largo di Cipro la tensione è alta. Il dipartimento di Stato Usa segue da vicino l’evolversi della situazione e ha già inviato dei rinforzi nella zona.
[leggi tutto…]

Trading gas in aumento al Psv

Trading di gas in aumento a maggio al Punto di scambio virtuale (Psv), seppure nell’ambito del consueto ripiego primaverile delle contrattazioni.
[leggi tutto…]

Tariffe gas, Confindustria pronta a ricorrere a Bruxelles

Sul nodo delle tariffe per il trasporto del gas naturale Confindustria sta valutando di agire direttamente su Bruxelles
[leggi tutto…]