Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Piano energetico punta ad azzerare il gap del prezzo del gas
02/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Governo al lavoro sulla nuova Strategia energetica nazionale (Sen). Il percorso è iniziato con una doppia audizione alla Camera del Ministro dello Sviluppo economico Calenda e del Ministro dell’Ambiente Galletti. I ministri hanno chiarito i tre obiettivi da centrare: la riduzione del gap di costo dell’energia allineandosi ai prezzi Ue; il rispetto dei target ambientali clima-energia fissati a livello Ue al 2030; il miglioramento della sicurezza di approvvigionamento. Il ministro Calenda è anche tornato sulla questione dei costi di sbilanciamento riconosciuti agli operatori, innescando una polemica con il regolatore. Calenda ha chiamato in causa Autorità dell’Energia e Antitrust per la lunghezza delle istruttorie con chiusura attesa per il 30 maggio. Ad aprile dovrebbe essere avviata la consultazione pubblica su un testo completo. La strategia italiana va inquadrata in un contesto di rilevanti cambiamenti dei trend energetici globali a partire dal contenimento della crescita dei consumi che nel periodo 2015-2030 è stimata nel 18% contro il 36% registrato nel 2000-2015.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & territori –C.Fo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]