Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Phase out carbone, i cronoprogrammi possono aspettare
01/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

Scadeva oggi il termine per la presentazione al ministero dell'Ambiente delle carte per il riesame Aia di molti grandi impianti di combustione italiani. Enel Produzione ha fatto sapere di aver inviato al ministero la documentazione tecnica per il riesame e con essa "il proprio posizionamento rispetto alla richiesta" di presentare piani di dismissione degli impianti. Insomma il gruppo non pare aver ancora inviato un vero e proprio piano di dismissione. A Enel fanno capo tra gli altri gli impianti a carbone di Torrevaldaliga Nord, entrato in funzione nel 2009, e di Brindisi Sud, che ha ancora un ruolo di rilievo nel sistema elettrico.  Si tratta di due dei quattro impianti per i quali nei giorni scorsi Assocarboni auspicava una clausola di salvaguardia che ne consenta la prosecuzione in esercizio fino al 2038.  

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]

Tariffe trasporto gas, Acer valuta un tetto ai moltiplicatori

L'Acer ha avviato una consultazione sulla revisione dei criteri di formazione delle tariffe del gas per la capacità a breve termine
[leggi tutto…]