Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Phase out carbone, i cronoprogrammi possono aspettare
01/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

Scadeva oggi il termine per la presentazione al ministero dell'Ambiente delle carte per il riesame Aia di molti grandi impianti di combustione italiani. Enel Produzione ha fatto sapere di aver inviato al ministero la documentazione tecnica per il riesame e con essa "il proprio posizionamento rispetto alla richiesta" di presentare piani di dismissione degli impianti. Insomma il gruppo non pare aver ancora inviato un vero e proprio piano di dismissione. A Enel fanno capo tra gli altri gli impianti a carbone di Torrevaldaliga Nord, entrato in funzione nel 2009, e di Brindisi Sud, che ha ancora un ruolo di rilievo nel sistema elettrico.  Si tratta di due dei quattro impianti per i quali nei giorni scorsi Assocarboni auspicava una clausola di salvaguardia che ne consenta la prosecuzione in esercizio fino al 2038.  

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]