Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio vola oltre i 57 dollari
13/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

L’accordo per tagliare la produzione di petrolio ha convinto il mercato. Nella prima seduta dopo l’annuncio dell’azione congiunta tra paesi Opec e non, le quotazioni del barile hanno preso il volo: durante le contrattazioni in Asia il Brent è arrivato a guadagnare il 6,5%, toccando 57,89 dollari, un rialzo che si è ridimensionato col passare delle ore- anche a causa del dollaro forte ma che è comunque rimasto robusto. Il riferimento di prezzo europeo ha concluso a 55,69 $ (+.2,5%), l’americano Wti a 52,83 $ (+.2,6%), massimi da 18 mesi. L’intesa raggiunta sabato a Vienna è significativa: l’Opec, la Russia e altri dieci produttori esterni al gruppo si sono impegnati a togliere dal mercato quasi 1,8 milioni di barili al giorno nel primo semestre del 2017, un obiettivo che - se rispettato - avvierà una rapida riduzione delle scorte petrolifere. I barili di greggio accumulati negli oltre due anni in cui la produzione ha superato la domanda – in qualche periodo addirittura di oltre 2 mbg - potrebbero essere smaltiti al ritmo di circa 760mila al giorno, secondo calcoli di Bloomberg basati su cifre dell’Agenzia internazionale dell’energia (Aie). Il risultato sarebbero scorte quasi dimezzate nel giro di 6 mesi.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]