Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio. La visione di Khalid: privatizzare l’oro nero d’Arabia
16/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

In Arabia Saudita non esiste più il Ministero del Petrolio: il cambio di nome ha portato, inoltre, ad un cambio al vertice con Khalid al-Falih, presidente della compagnia petrolifera di Stato, la Saudi Aramco, e grande consigliere del principe Mohammed, l’astro nascente del regno. Il nuovo ministro è convinto che i Paesi produttori di greggio a basso costo, come il suo, debbano pompare il più possibile, relegando gli idrocarburi più difficili da produrre e quindi più cari, come l’olio da scisti, ai momenti in cui la richiesta è più alta. Se Riad continuerà a pompare petrolio senza curarsi delle quotazioni, almeno finché lo farà l’Iran, il suo più grande rivale, è chiaro che il prezzo del barile resterà mediamente basso. Il piano saudita è quello di allentare la presa dello Stato sull’economia ed include la vendita di una quota di Saudi Aramco, con la più grande offerta pubblica del mondo, e il trasferimento delle attività della società ad un fondo sovrano che investirà in settori ad alta intensità di capitale, stimolando gli investimenti stranieri nel Paese.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Elena Comeli (pag. 37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]