Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio verso 30$ La guerra dei prezzi infuria anche in mare
13/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio è letteralmente travolto dagli sviluppi delle ultime ore. Il Brent ha subito ribassi vicini al 10% nella seduta di ieri, scendendo sotto 33 dollari al barile, il Wti è arrivato a scambiare a 30$. A mandare a picco le quotazioni non è soltanto il panico generalizzato, ma anche l’ennesima mazzata alla domanda petrolifera, assestata dagli Usa con la sospensione di tutti i collegamenti aerei con l’Europa. E c’è la guerra dei prezzi ingaggiata da Arabia Saudita e Russia, che ora viene combattuta anche per mare, con strategie che accentuano le pressioni ribassiste sul greggio. Intanto l’Opec Plus avrebbe cancellato una riunione tecnica che avrebbe dovuto svolgersi il 18 marzo. I sauditi, dopo lo strappo con la Russia, hanno rifiutato di partecipare. Sul mercato del petrolio Riad sta ormai sfidando apertamente l’ex alleato: le forniture extra previste per aprile sono state offerte soprattutto a clienti europei e asiatici, nelle aree che di solito importano molto dalla Russia. In Europa, dove sarebbe stata contattata anche Eni, si dice che i sauditi abbiano triplicato le vendite. Sul mercato fisico i prezzi delle principali qualità di greggio russo sono già crollati sotto i colpi della concorrenza saudita.  

Fonte:Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]