Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nel petrolio gli Usa ai massimi dagli Anni 70
02/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

La produzione americana di petrolio tocca i 10 milioni e 474 mila barili al giorno, come non succedeva dagli Anni 70. Il numero è stato diffuso dalla Us Energy Information Administration e si riferisce al marzo; ma vista la tendenza alla crescita che si consolida da diversi mesi, è verosimile che al momento gli Usa siano già andati ben oltre, e secondo gli analisti entro la fine del 2018 raggiungeranno gli 11 milioni di barili al giorno. Così scavalcheranno la Russia come primo produttore mondiale. Questa crescita è promossa dallo “shale oil”, il petrolio non convenzionale. Comunque il mondo sembra in grado di assorbire questo flusso extra: la domanda globale cresce mentre il Venezuela e Iran escono dal mercato, come conferma la Total che proprio ieri ha rinunciato (per ragioni politiche) a un gigantesco investimento petrolifero in Iran.

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]