Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nel petrolio gli Usa ai massimi dagli Anni 70
02/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

La produzione americana di petrolio tocca i 10 milioni e 474 mila barili al giorno, come non succedeva dagli Anni 70. Il numero è stato diffuso dalla Us Energy Information Administration e si riferisce al marzo; ma vista la tendenza alla crescita che si consolida da diversi mesi, è verosimile che al momento gli Usa siano già andati ben oltre, e secondo gli analisti entro la fine del 2018 raggiungeranno gli 11 milioni di barili al giorno. Così scavalcheranno la Russia come primo produttore mondiale. Questa crescita è promossa dallo “shale oil”, il petrolio non convenzionale. Comunque il mondo sembra in grado di assorbire questo flusso extra: la domanda globale cresce mentre il Venezuela e Iran escono dal mercato, come conferma la Total che proprio ieri ha rinunciato (per ragioni politiche) a un gigantesco investimento petrolifero in Iran.

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]