Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Nel petrolio gli Usa ai massimi dagli Anni 70
02/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

La produzione americana di petrolio tocca i 10 milioni e 474 mila barili al giorno, come non succedeva dagli Anni 70. Il numero è stato diffuso dalla Us Energy Information Administration e si riferisce al marzo; ma vista la tendenza alla crescita che si consolida da diversi mesi, è verosimile che al momento gli Usa siano già andati ben oltre, e secondo gli analisti entro la fine del 2018 raggiungeranno gli 11 milioni di barili al giorno. Così scavalcheranno la Russia come primo produttore mondiale. Questa crescita è promossa dallo “shale oil”, il petrolio non convenzionale. Comunque il mondo sembra in grado di assorbire questo flusso extra: la domanda globale cresce mentre il Venezuela e Iran escono dal mercato, come conferma la Total che proprio ieri ha rinunciato (per ragioni politiche) a un gigantesco investimento petrolifero in Iran.

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]