Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’uragano Harvey punta il Texas e spaventa i mercati
26/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo lo scivolone della vigilia, i prezzi del petrolio ieri hanno tentato il rimbalzo sulla scia del rafforzamento dell’uragano Harvey che sta puntando sul Texas, lo Stato americano che rappresenta l'epicentro del settore petrolifero della nazione americana. Immediata la reazione dei mercati con il Brent che in mattinata è salito fino a 52,68 dollari al barile per poi ridimensionarsi e oscillare attorno ai 52,30 dollari, contro i 52,04 dollari di giovedì. Andamento simile per il nordamericano Wti (West Texas Intermediated) salito fino sfiorare i 48 dollari per poi assestarsi attorno a 47,70 dollari, poco più di mezzo punto percentuale in più sulla seduta precedente. Come detto, ieri a catalizzare l’attenzione sui mercati del greggio (e non solo) è l’uragano Harvey, che sta avanzando con una velocità di 170 chilometri orari, e che potrebbe causare danni anche alle tante infrastrutture petrolifere. Harvey - che oggi dovrebbe raggiungere Corpus Christi e Houston – infatti rischia di diventare il più forte uragano a colpire il suolo americano da quasi dodici anni (ossia dai tempi di «Wilma» in Florida) e di mandare in tilt il comparto energetico nel Golfo del Messico, dove viene generato il 17% circa della produzione petrolifera nazionale, pari a 9,5 milioni di barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – B. Ce. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’ok USA a Nord Stream 2. Merkel: mano tesa a Putin

La prima tappa del viaggio europeo del Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Berlino potrebbe coincidere con una svolta nei rapporti tra UE e Russia.
[leggi tutto…]

Eni, nuova scoperta nel Mare del Nord

Eni centra un altro traguardo in Norvegia dove ieri ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel Marte del Nord Meridionale
[leggi tutto…]

Volete le emissioni zero? Triplicate il verde

Gli investimenti nell’energia cresceranno del 10% quest’anno, fino a 1900 miliardi di dollari, recuperando la maggior parte del crollo dell’anno scorso causato dalla pandemia
[leggi tutto…]