Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’uragano Harvey punta il Texas e spaventa i mercati
26/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo lo scivolone della vigilia, i prezzi del petrolio ieri hanno tentato il rimbalzo sulla scia del rafforzamento dell’uragano Harvey che sta puntando sul Texas, lo Stato americano che rappresenta l'epicentro del settore petrolifero della nazione americana. Immediata la reazione dei mercati con il Brent che in mattinata è salito fino a 52,68 dollari al barile per poi ridimensionarsi e oscillare attorno ai 52,30 dollari, contro i 52,04 dollari di giovedì. Andamento simile per il nordamericano Wti (West Texas Intermediated) salito fino sfiorare i 48 dollari per poi assestarsi attorno a 47,70 dollari, poco più di mezzo punto percentuale in più sulla seduta precedente. Come detto, ieri a catalizzare l’attenzione sui mercati del greggio (e non solo) è l’uragano Harvey, che sta avanzando con una velocità di 170 chilometri orari, e che potrebbe causare danni anche alle tante infrastrutture petrolifere. Harvey - che oggi dovrebbe raggiungere Corpus Christi e Houston – infatti rischia di diventare il più forte uragano a colpire il suolo americano da quasi dodici anni (ossia dai tempi di «Wilma» in Florida) e di mandare in tilt il comparto energetico nel Golfo del Messico, dove viene generato il 17% circa della produzione petrolifera nazionale, pari a 9,5 milioni di barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – B. Ce. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]