Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la trappola dei prezzi
16/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Misurare il successo dei tagli alla produzione operati dell’Opec non è mai stato più difficile. Gli operatori petroliferi non stanno guardando solo agli ultimi dati dell’Opec, che dimostrano il rispetto dell’impegno per la cancellazione di quasi 1,2 milioni di barili al giorno dal mercato globale. Sono invece attenti ai segnali di crescita della produzione di oro nero negli Stati Uniti, come la riduzione delle scorte e il fatto che altri grandi produttori come la Russia stanno limitando i propri flussi. La complessità di questa matematica ha contribuito a porre un limite ai prezzi del petrolio: l’ultima prova si è vista lunedì scorso quando l’Opec ha pubblicato un rapporto ottimista. Un’altra incognita è la produzione non Opec. Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, la Russia – il più grande produttore al mondo – è scesa a 100 mila barili al giorno nel mese di gennaio.

Fonte: MF – Georgi Kantchev, Benoit Faucon (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]