Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio al top da oltre 2 anni
10/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le turbolenze politiche in Arabia Saudita con la purga anticorruzione, sommata alle tensioni aumentate nei confronti dell’Iran, hanno fatto aumentare l’instabilità del primo esportatore al mondo di petrolio. Martedì 7 novembre il Brent ha raggiunto la quotazione più alta dal 2015, a 64,5 dollari/barile. Dallo scorso anno il riequilibrio del mercato mondiale del petrolio ha subito un’accelerazione, ha dichiarato il segretario generale dell’Opec, Mohammed Barkindo. Secondo le previsioni di Capital Economic, i prezzi del petrolio diminuiranno se cesseranno le tensioni interno all’Arabia Saudita, mentre la produzione dei paesi fuori dall’Opec aumenterà nei prossimi mesi.


Fonte: Italia Oggi – Giovanni Galli (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]