Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, tensione sui prezzi rischio shock energetico
22/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il caro-petrolio è tornato. Penalizza i consumatori occidentali; mette in difficoltà grosse economie emergenti come l’India; ricostruisce ricchezze in Arabia Saudita e in Russi. Ieri il greggio Brent era a quota 79 dollari. Alla congiuntura attuale contribuiscono le sanzioni americane. Il caro-petrolio a sua volta ha una ricaduta sui tassi. Con i Treasury Bond decennali oltre il 3% di rendimento, il debito pubblico Usa frutta più di quello di molte nazioni europee. E il dollaro si rafforza.

Fonte. La Repubblica – Federico Rampini (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, il core business spinge utile e marginalità

Sfruttando la positiva performance del business del trasporto gas e il mix di efficientamento della gestione operativa e ottimizzazione della struttura finanziaria, Snam ha i principali indicatori in crescita e con una netta accelerazione
[leggi tutto…]

Ruolo del gas cruciale per ridurre lo spread di prezzo con l’Europa

La transizione verso un’economia a ridotte emissioni è un’opportunità enorme per l’Italia a patto che il governo valorizzi il primato nazionale nell’uso del gas
[leggi tutto…]

Il Pniec alla prova della sostenibilità: le audizioni di Cib e Assocarta

Ieri si sono svolte in commissione Attività produttive le audizioni di Cib e Assocarta sul Pniec.
[leggi tutto…]