Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in tensione, l’Opec estrae sempre meno
13/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Le tensioni geopolitiche continuano a mantenere il petrolio ai massimi da tre anni: il Brent ha chiuso invariato a 72,02$/barile. A sostegno del mercato sono arrivate anche le statistiche dell’Opec, che indicano ulteriori progressi nella riduzione delle scorte globali, nonostante la crescita senza freni della produzione Usa. In molti casi in realtà i Paesi Opec stanno tagliando involontariamente: Venezuela, Angola e Libia (insieme all’Arabia Saudita) hanno dato un forte contributo all’ulteriore calo della produzione del gruppo. L’Organizzazione prevede che la tendenza prosegua, portando il mercato petrolifero in deficit entro fine anno, nonostante abbia alzato di nuovo (per il quinto mese consecutivo) le previsioni sull’offerta non Opec.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]