Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in tensione, l’Opec estrae sempre meno
13/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Le tensioni geopolitiche continuano a mantenere il petrolio ai massimi da tre anni: il Brent ha chiuso invariato a 72,02$/barile. A sostegno del mercato sono arrivate anche le statistiche dell’Opec, che indicano ulteriori progressi nella riduzione delle scorte globali, nonostante la crescita senza freni della produzione Usa. In molti casi in realtà i Paesi Opec stanno tagliando involontariamente: Venezuela, Angola e Libia (insieme all’Arabia Saudita) hanno dato un forte contributo all’ulteriore calo della produzione del gruppo. L’Organizzazione prevede che la tendenza prosegua, portando il mercato petrolifero in deficit entro fine anno, nonostante abbia alzato di nuovo (per il quinto mese consecutivo) le previsioni sull’offerta non Opec.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]