Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in tensione, l’Opec estrae sempre meno
13/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Le tensioni geopolitiche continuano a mantenere il petrolio ai massimi da tre anni: il Brent ha chiuso invariato a 72,02$/barile. A sostegno del mercato sono arrivate anche le statistiche dell’Opec, che indicano ulteriori progressi nella riduzione delle scorte globali, nonostante la crescita senza freni della produzione Usa. In molti casi in realtà i Paesi Opec stanno tagliando involontariamente: Venezuela, Angola e Libia (insieme all’Arabia Saudita) hanno dato un forte contributo all’ulteriore calo della produzione del gruppo. L’Organizzazione prevede che la tendenza prosegua, portando il mercato petrolifero in deficit entro fine anno, nonostante abbia alzato di nuovo (per il quinto mese consecutivo) le previsioni sull’offerta non Opec.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]