Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, gli stoccaggi ora non fanno più paura
13/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Le scorte di petrolio hanno smesso di fare paura. Il rischio di vedere traboccare i serbatoi, che ad aprile aveva spinto sotto zero le quotazioni del barile, non è giudicato imminente grazie al calo brusco dell’offerta e alla graduale ripresa dei consumi dopo la paralisi da coronavirus. E il mercato riflette il cessato allarme. Non solo il Brent ha riguadagnato quota 30$, ma il supercontango è sparito: le quotazioni a sei mesi restano più care di quelle a pronti, ma il premi oggi è inferiore a 5$. Segno che gli spazi di stoccaggio non sono più ricercati e costosi come fino a poco tempo fa. La spinta decisiva per riavviare l’umore degli investitori l’ha data l’Arabia Saudita, che lunedì si è impegnata a un taglio supplementare di 1 milione di barili al giorno, seguita a ruota da Emirati arabi e Kuwait, che insieme si accolleranno un extra di 180mila bg. Ma la produzione crolla un po' ovunque, dentro e fuori l’Opec Plus. E il surplus si riduce in modo visibile: Kayrros rileva che le scorte globali di greggio sono aumentate di 4mbg bella settimana al 3 maggio, un ritmo più che dimezzato rispetto al record di 10mbg raggiunto ad aprile.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]