Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, Stati Uniti più lontani dal sogno dell’indipendenza
24/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti sono tornati ad importare petrolio ai ritmi del 2013 e ne esportano meno dell’anno scorso, quando le vendite all’estero non erano ancora state liberalizzato. Una situazione paradossale, che contribuisce a mantenere sotto pressione il prezzo del barile. Le scorte Usa, da tempo a livelli record, continuano infatti ad aumentare, nonostante la produzione di shale oil sia finalmente in calo. Sono fenomeni legati a distorsioni di prezzo, ma così le scorte non riescono a scendere.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]