Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio spinge benzina e gasolio. I gestori: “Ora aumenti sensibili”
19/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Dopo che il Brent è tornato sugli 80 dollari, le tensioni sui prezzi si sono riversate alla pompa di benzina: Eni, Ip, Q8 e Tamoil sono già intervenute con il rialzo di 1 centesimo al litro su benzina e diesel. “Vi sono le condizioni per una aspettativa di aumento sensibile dei prezzi nei prossimi giorni” è la previsione contenuta nel bollettino settimanale dei gestori di impianti di distribuzione di Figisc e Anisa aderenti a Confcommercio. La corsa dei prezzi dovuta al rialzo del petrolio potrebbe non limitarsi ai carburanti. I numeri elaborati dai gestori in collaborazione con Asoopetroli-Assoenergia lo confermano: allo scorso 14 maggio, lo stacco Italia delle imposte sui carburanti è di +22,1 centesimi al litro per la benzina e +20,7 per il gasolio. La soluzione? Nel contratto di governo di Lega e M5S si prevede di eliminare le componenti anacronistiche delle accise sulla benzina.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Michelangelo Borrillo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]