Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio spinge benzina e gasolio. I gestori: “Ora aumenti sensibili”
19/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Dopo che il Brent è tornato sugli 80 dollari, le tensioni sui prezzi si sono riversate alla pompa di benzina: Eni, Ip, Q8 e Tamoil sono già intervenute con il rialzo di 1 centesimo al litro su benzina e diesel. “Vi sono le condizioni per una aspettativa di aumento sensibile dei prezzi nei prossimi giorni” è la previsione contenuta nel bollettino settimanale dei gestori di impianti di distribuzione di Figisc e Anisa aderenti a Confcommercio. La corsa dei prezzi dovuta al rialzo del petrolio potrebbe non limitarsi ai carburanti. I numeri elaborati dai gestori in collaborazione con Asoopetroli-Assoenergia lo confermano: allo scorso 14 maggio, lo stacco Italia delle imposte sui carburanti è di +22,1 centesimi al litro per la benzina e +20,7 per il gasolio. La soluzione? Nel contratto di governo di Lega e M5S si prevede di eliminare le componenti anacronistiche delle accise sulla benzina.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Michelangelo Borrillo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]