Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, scorte galleggianti in forte calo
11/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Arabia Saudita, Venezuela, Iraq, Iran. Le tensioni geopolitiche che sono tornate in primo piano sui mercati petroliferi. Ma ad alimentare il rally del barile ci sono anche i capitali speculativi – che potrebbero fare dietrofront dopo il vertice Opec, il cui esito ormai quasi scontato – e i fondamentali: il calo delle scorte in primo luogo, che col passare del tempo sta guadagnando forza e evidenza. Le cosiddette scorte galleggianti calano rapidamente. Anche l’Europa grazie all’arbitraggio di prezzo favorevole – ha attirato barili dagli Usa. E la forza della domanda non è bastata a riassorbirli del tutto.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina

Era da più di dieci anni che l’Europa cercava un ruolo internazionale trovato a Davos
[leggi tutto…]

Il Piano nazionale energia frena sull’addio al carbone nel 2025

Sull’addio al carbone nel 2025 il governo italiano è molto più cauto
[leggi tutto…]

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]