Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, scorte galleggianti in forte calo
11/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Arabia Saudita, Venezuela, Iraq, Iran. Le tensioni geopolitiche che sono tornate in primo piano sui mercati petroliferi. Ma ad alimentare il rally del barile ci sono anche i capitali speculativi – che potrebbero fare dietrofront dopo il vertice Opec, il cui esito ormai quasi scontato – e i fondamentali: il calo delle scorte in primo luogo, che col passare del tempo sta guadagnando forza e evidenza. Le cosiddette scorte galleggianti calano rapidamente. Anche l’Europa grazie all’arbitraggio di prezzo favorevole – ha attirato barili dagli Usa. E la forza della domanda non è bastata a riassorbirli del tutto.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]