Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, royalties verso il record. E si pensa a un fondo sovrano
07/08/2018 - Pubblicato in news nazionali

Raddoppieranno nel 2019 e si triplicheranno nel 2020 le royalties che le società petrolifere hanno versato sulla produzione nazionale di idrocarburi del 2017. Si passerà dagli attuali 136 milioni di euro a 251 milioni per arrivare a 405 milioni di euro trainati dall’aumento delle estrazioni e dal prezzo del greggio, fino a sfiorare nel triennio gli 800 milioni di euro. La ripresa dell’attività estrattiva dell’Eni in Basilicata è evidente, dopo i due anni neri, il 2016 e il 2017, che hanno bloccato 6 mesi il Centro Olio di Viggiano (Potenza) per alterne vicende giudiziarie e ambientali, azzerando la produzione lucana e provocando il crollo di quella nazionale. Il maggior contributo quest’anno del giacimento della Val d’Agri alla produzione di petrolio e gas, evidenziato nei conti del primo semestre 2018, approvati dal Cda dell’Eni, si chiuderà con una produzione nazionale, secondo Nomisma Energia, di 5.5 milioni di tonnellate di greggio, ma i suoi effetti si vedranno con il versamento nel 2019 delle royalties a Stato, Regioni e Comuni estrattivi, aumentando anche il Fondo per lo sviluppo economico  e social card e l’Aliquota salute e sicurezza.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Luigia Ierace (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]