Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio rivede i massimi da 18 mesi
04/01/2017 - Pubblicato in legislativa,news internazionali,stoccaggi

Anche se alla fine c’è stato un riflusso (dovuto anche all’apprezzamento del dollaro), i prezzi del petrolio hanno fatto ieri un balzo che suggerisce come sarà il 2017 del greggio se il taglio della produzione concordato fra i Paesi produttori Opec e non Opec verrà rispettato. È bastato che il Kuwait e l’Oman annunciassero di avviare i tagli già decisi per portare il prezzo del Brent, che fa da riferimento in Europa, sopra ai 58 dollari al barile, e quello del Wti, quotato a New York, sopra ai 55. Per entrambi questi contratti si tratta dei massimi da 18 mesi. In sostanza basterebbe un’oscillazione per avvicinare o superare i 60 dollari. L’accordo fra i produttori è stato fondamentale, ma a prescindere dal rispetto di questa intesa, nel 2016 si è praticamente azzerato l’eccesso di offerta sulla domanda mondiale, che dodici mesi fa era di 1,6 milioni di barili al giorno. Quindi anche nel caso (probabile) che qualche Paese provi a fare il furbo e a produrre e vendere più petrolio, mentre gli altri tagliano, il riequilibrio del mercato è già avvenuto o è vicino.

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]