Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio a rischio ribasso l’Opec potrebbe deludere
29/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

A due giorni da un vertice Opec dall’esito sempre più incerto, Royal Dutch Shell firma un atto di fiducia verso il rally del petrolio. Dal quarto trimestre la compagnia riprenderà a pagare tutti i dividendi in contanti, oltre a proseguire il piano di riacquisto di azioni proprie deciso nel 2015, all’epoca della fusione con Bg Group. Bp un mese fa aveva sorpreso il mercato comunicando l’avvio di un programma di buyback, ma la major anglo-olandese è andata oltre rinunciando fin d’ora ai dividendi scrip che molte compagnie europee avevano adottato negli anni della crisi per proteggere la cassa. Shell ha festeggiato con un rialzo del 4% del titolo. La società negli ultimi dodici mesi ha staccato cedole per circa 16 miliardi di dollari, di cui un quarto in azioni e ha confermato buyback per almeno 25 miliardi di dollari prima del 2020. Shell ha ancora un debito netto di 68 miliardi e sta completando con successo il piano di dismissioni. La possibilità che l’Opec e i suoi alleati deludano il mercato è concreta. Il prezzo del petrolio con tutta probabilità ha già scontato la previsione di una proroga dei tagli produttivi fino la termine del 2018. Gli ultimi rumor ora suggeriscono che il pronostico rischia di rivelarsi troppo ottimista.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]