Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la ripresa dei consumi traina nuovi investimenti
13/05/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Viene dall’Azerbaigian la quota maggiore della benzina e del gasolio che bruciamo nei nostri motori. Nei primi tre mesi di quest’anno quasi un quinto del petrolio importato dall’Italia viene dall’Azerbaigian, con il 19% delle importazioni e 2,9 milioni di tonnellate (+14%). Nella graduatoria dei fornitori seguono l’Iraq e l’Iran. Lo osserva L’Unione Petrolifera, la quale ha rilevato che sui carburanti l’Italia ha il gasolio più tassato e il più salato d’Europa. Ma gli italiani aumentano i consumi di metano e di greggio proprio mentre la Regione Emilia Romagna, con un cambio di strategia sulla sua storica voglia di attrarre investimenti, frena sui giacimenti a chilometro zero che si nascondono nel sottosuolo emiliano. Dai giacimenti iracheni fra gennaio e marzo l’Italia ha acquistato 2 milioni di tonnellate, dall’Iran 1,88 milioni e dall’Arabia 1,82 milioni di tonnellate. Nei primi tre mesi dell’anno l’Italia ha acquistato 15,4 milioni di tonnellate di petrolio mentre i consumi sono stati pari a 13,9 milioni di tonnellate (+0,6%). Il ministero dell’ambiente ha dato nelle ultime settimane il via libera ambientale a diversi progetti su giacimenti. Alla compagnia emiliana indipendente Gas Plus è stato dato il via libera nell’entroterra di Ancona con l’attivazione di un pozzo di metano a Santa Maria Nuova. Nel canale di Sicilia la Northern Petroleum ha appena conseguito un parere ambientale positivo nella perforazione del pozzo Vesta. La Stogit (Snam) a Vasto ha conseguito una verifica positiva di ottemperanza per una delle prescrizione sullo stoccaggio di metano da realizzare nel vecchio giacimento di Fiume Treste.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa&Terriori – Jacopo Giliberto (pag.  8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]