Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio rimbalza, Brent oltre 48$
13/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

 

Il petrolio si è preso una rivincita ieri chiudendo la seduta con un rialzo superiore al 4% dopo essere scivolato ai minimi negli ultimi due mesi: il Brent è tornato a 48,47 dollari. Ma le nubi all’orizzonte non sono scomparse ed anzi, tra gli operatori, regna l’idea che la domanda petrolifera stia rallentando la corsa mentre la produzione – per non parlare delle scorte tuttora immense – non cala abbastanza in fretta da rassicurare su un prossimo riequilibrio del mercato. Tra i fattori che hanno preso il sopravvento ieri, molti sono di tipo tecnico. Ad esempio l’allarme geopolitico che si è sollevato sulla disputa territoriale del mare cinese del Sud e con il verdetto dell’Aia che ha dato ragione alle Filippine ma che la Cina ha contestato. L’area è cruciale per i trasporti marittimi e i costi potrebbero pertanto salire in caso di escalation della tensione nella zona. Intanto L’Arabia Saudita ha comunicato all’Opec di aver aumentato la produzione a 10,6 milioni di barili al gg in giugno, barili extra che verosimilmente serviranno a fronteggiare i consumi delle centrali elettriche locali che con il caldo estivo si impennano.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]