Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è ridiventato caro
26/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ritrova lo smalto del passato. Il prezzo del Brent è ai picchi da novembre 2014, intorno ai 75 dollari al barile. Ben lontano dai 27 dollari toccati a inizio 2016. L’aumento della domanda di greggio non è mai stata così forte in valore assoluto. Trainata dalla ripresa economica mondiale, la domanda potrebbe raggiungere, entro la fine dell’anno, la soglia storica e simbolica dei 100 milioni di barili al giorno. Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Opec, le riserve di greggio nei paesi sviluppati sono diminuite di 17,4 milioni di barili  a febbraio , per calare a 2,8 miliardi. Oltre alla crescita economica, il calo degli stock e ampiamente dovuto alla decisione presa, a partire dal 2016, dall’Opec e dagli altri paesi produttori, in particolare la Russia, di limitare la produzione di oro nero per sostenere i prezzi. Una scelta rafforzata dal crollo drammatico della produzione in Venezuela.

Fonte: ItaliaOggi – Andra Brenta (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]