Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è ridiventato caro
26/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ritrova lo smalto del passato. Il prezzo del Brent è ai picchi da novembre 2014, intorno ai 75 dollari al barile. Ben lontano dai 27 dollari toccati a inizio 2016. L’aumento della domanda di greggio non è mai stata così forte in valore assoluto. Trainata dalla ripresa economica mondiale, la domanda potrebbe raggiungere, entro la fine dell’anno, la soglia storica e simbolica dei 100 milioni di barili al giorno. Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Opec, le riserve di greggio nei paesi sviluppati sono diminuite di 17,4 milioni di barili  a febbraio , per calare a 2,8 miliardi. Oltre alla crescita economica, il calo degli stock e ampiamente dovuto alla decisione presa, a partire dal 2016, dall’Opec e dagli altri paesi produttori, in particolare la Russia, di limitare la produzione di oro nero per sostenere i prezzi. Una scelta rafforzata dal crollo drammatico della produzione in Venezuela.

Fonte: ItaliaOggi – Andra Brenta (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]

Il Tap è operativo: in Italia è giunto il primo gas azero

Il gasdotto Tap è finito. E non solo, ha cominciato a funzionare. Lo ha annunciato nei giorni scorsi la società, raccontando di aver avviato le operazioni commerciali
[leggi tutto…]

Tariffe trasporto gas, Acer valuta un tetto ai moltiplicatori

L'Acer ha avviato una consultazione sulla revisione dei criteri di formazione delle tariffe del gas per la capacità a breve termine
[leggi tutto…]