Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è ridiventato caro
26/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ritrova lo smalto del passato. Il prezzo del Brent è ai picchi da novembre 2014, intorno ai 75 dollari al barile. Ben lontano dai 27 dollari toccati a inizio 2016. L’aumento della domanda di greggio non è mai stata così forte in valore assoluto. Trainata dalla ripresa economica mondiale, la domanda potrebbe raggiungere, entro la fine dell’anno, la soglia storica e simbolica dei 100 milioni di barili al giorno. Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Opec, le riserve di greggio nei paesi sviluppati sono diminuite di 17,4 milioni di barili  a febbraio , per calare a 2,8 miliardi. Oltre alla crescita economica, il calo degli stock e ampiamente dovuto alla decisione presa, a partire dal 2016, dall’Opec e dagli altri paesi produttori, in particolare la Russia, di limitare la produzione di oro nero per sostenere i prezzi. Una scelta rafforzata dal crollo drammatico della produzione in Venezuela.

Fonte: ItaliaOggi – Andra Brenta (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]