Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa E il petrolio raggiunge i massimi da tre anni
05/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Ieri il petrolio Wti ha superato quota 62 dollari al barile, toccando i 62,12 dollari, il massimo da tre anni, per poi ritracciare leggermente. Sono stati essenzialmente due fattori alla base del rialzo. Il primo è legato alle dimostrazioni in Iran, appena sopite, che hanno spinto il presidente americano Donald Trump a minacciare un inasprimento delle sanzioni, il che comporterebbe una riduzione delle forniture provenienti dal Paese mediorientale. A questo è legato anche il montare delle tensioni tra Iran e Arabia Saudita, entrambi Paesi membri dell’Opec. Il secondo fattore è l’ondata di freddo che si è abbattuto sugli Stati Uniti, che ha molto aumentato i consumi di combustibile e quindi di greggio. Diretta conseguenza di ciò è che le scorte di greggio sono calate molto più di quanto prevedessero gli economisti del consensus.

Fonte: MF – Manuel Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]