Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, prospettive di marca rialzista per i prezzi nel 2018
02/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Attenzione ai massimi tra gli operatori per l’apertura dei mercati internazionali del petrolio dopo la pausa per le festività di fine anno. Il barile ha chiuso l’anno in forte rialzo con il prezzo del nordamericano Wti sopra la soglia dei 60 dollari, il massimo dalla metà del 2015. A sostenere la fase di ripresa durante e soprattutto gli ultimi mesi del 2017 hanno contribuito una serie di elementi, primo fra tutti il piano Opec per ridurre la produzione. Da non dimenticare poi la graduale crescita della domanda mondiale, trainata dalla Cina e il ridimensionamento delle scorte mondiali e di quelle statunitensi. E questo nonostante la produzione in alcuni grandi paesi produttori sia salita notevolmente. A frenare la corsa potrebbe contribuire la crescita dell’export americano, che continua a viaggiare su livelli da primato grazie all’aumento della produzione interna. Attualmente le estrazioni statunitensi risultano il 16% più alte rispetto alla metà del 2016. Molti analisti prevedono che la produzione possa superare nel giro di qualche settimana la soglia record dei 10 milioni di barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – B.Ce. (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]