Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio pronto per un nuovo rally speculativo
29/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli hedge funds, troppo fiduciosi dell’Opec hanno ora bisogno di un segnale forte per tornare a scommettere sul petrolio. Le quotazioni del barile, in ribasso di oltre il 20% nel primo semestre, potrebbero ricominciare a correre. Si attende un rally improvviso ed intenso nei prossimi giorni che potrebbe scaturire in un ciclo di coperture da parte dei fondi. Sul Brent, i fondi hanno accumulato un numero record di posizioni ‘corte’, raggiungendo l’equivalente di 169 milioni di barili, il massimo da quando nel 2011 è iniziata la pubblicazione dei dati. Considerando tutto il comparto del petrolio, i ‘corti’ ammontano a 480 milioni di barili. Anche se il mercato fisico del greggio è stabile, è opportuno notare che adesso c’è una possibilità che si sviluppi un supporto speculativo ai prezzi. Il petrolio si apprezzato per cinque sedute consecutive, recuperando circa il 7% dal 21 giugno, quando il Brent era crollato a 44,35 $, minimo da 7 mesi, e il Wti a 42,05 $, minimo da dieci mesi. Il greggio de mare del Nord ha chiuso ieri a 47,31 $, il benchmark americano a 44,74$.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]