Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio pronto per un nuovo rally speculativo
29/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli hedge funds, troppo fiduciosi dell’Opec hanno ora bisogno di un segnale forte per tornare a scommettere sul petrolio. Le quotazioni del barile, in ribasso di oltre il 20% nel primo semestre, potrebbero ricominciare a correre. Si attende un rally improvviso ed intenso nei prossimi giorni che potrebbe scaturire in un ciclo di coperture da parte dei fondi. Sul Brent, i fondi hanno accumulato un numero record di posizioni ‘corte’, raggiungendo l’equivalente di 169 milioni di barili, il massimo da quando nel 2011 è iniziata la pubblicazione dei dati. Considerando tutto il comparto del petrolio, i ‘corti’ ammontano a 480 milioni di barili. Anche se il mercato fisico del greggio è stabile, è opportuno notare che adesso c’è una possibilità che si sviluppi un supporto speculativo ai prezzi. Il petrolio si apprezzato per cinque sedute consecutive, recuperando circa il 7% dal 21 giugno, quando il Brent era crollato a 44,35 $, minimo da 7 mesi, e il Wti a 42,05 $, minimo da dieci mesi. Il greggio de mare del Nord ha chiuso ieri a 47,31 $, il benchmark americano a 44,74$.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]