Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il prezzo vola su voci di un ritrovato accordo russo-saudita
13/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Russia e Arabia Saudita hanno raggiunto un consenso sul piano per congelare la produzione del petrolio, anche a prescindere dalla partecipazione dell’Iran. Ad affermarlo è l’agenzia russa Interfax, che cita fonti diplomatiche, secondo cui ci sarebbero stati nuovi colloqui tra i due Paesi in vista del vertice di Doha, in programma domenica. La voce, che non ha trovato altre conferme, magari è stata diffusa ad arte. Ma il mercato del petrolio - già orientato al rialzo - le ha dato credito, facendo volare le quotazioni del barile ai massimi da quasi 5 mesi: il Brent si è spinto fino a 44,81 dollari, il Wti a 42,25 $, superando in entrambi i casi un’importante resistenza tecnica, rappresentata dalla media mobile degli ultimi 200 giorni. I due riferimenti hanno chiuso la seduta in rialzo di oltre il 4%, nonostante il Fondo monetario internazionale abbia di nuovo ridotto le previsioni sulla crescita mondiale, da +3,4% a +3,2%. A rafforzare ulteriormente l’ottimismo sulle prospettive di ripresa del petrolio hanno contribuito anche le stime sulla produzione negli Stati Uniti.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]