Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, i prezzi nel 2017? Settanta dollari al barile

Settanta dollari al barile. Il 2017, secondo le previsioni Nomisma, vedrà un importante aumento del prezzo del petrolio, con inevitabili effetti sull’inflazione e sulla politica monetaria delle banche centrali. La crescita dei prezzi sarà determinata dallo storico accordo firmato dai Paesi Opec alla fine di novembre, secondo Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia. Dopo un 2016 caratterizzato da un eccesso di offerta e da prezzi piuttosto contenuti (che hanno complicato i piani a lungo termine delle aziende petrolifere) la svolta Opec dovrebbe riportare in su il valore del greggio.  I produttori Opec hanno raggiunto l’intesa di tagliare la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno dopo il record di ottobre scorso (33,7 milioni di barili giornalieri). Nel 2017 dovrebbero diventare 32 milioni, considerando anche il taglio promesso da 11 Paesi non Opec di ulteriori 500 mila barili. Sull’intesa un ruolo importante l’ha recitato la Russia (che ha tagliato a sua volta la produzione di greggio) consentendo un parziale avvicinamento tra Iran e Arabia Saudita, acerrime rivali anche nello scacchiere geopolitico mediorientale. La consuetudine, in vigore da 40 anni, è che il livello di produzione salga ogni anno di circa 1-1,5 milioni di barili al giorno per compensare l’aumento della domanda, ma negli ultimi due anni la richiesta mondiale di petrolio è diminuita finendo inevitabilmente per abbassare i prezzi. Un freno alla ripresa dei valori del greggio può venire soltanto dagli Stati Uniti. 

Fonte: Corriere della Sera – Fabio Savelli (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]