Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in picchiata, Borse sotto pressione
15/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

A far cambiare rotta ai listini sono stati il settore minerario (-3,32%) e quello petrolifero (-2,56%) che hanno risentito della nuova ondata di ribassi che ha penalizzato il mercato delle commodities. Lo spunto ribassista lo ha offerto il prezzo del petrolio Wti sceso sotto i 35 dollari al barile per la prima volta dal 2009. Dietro la debolezza delle commodities in generale e del petrolio in particolare, che nell'ultimo anno e mezzo ha perso il 50% del suo valore, ci sono ragioni di carattere monetario e di fondamentali macroeconomici. Partiamo da questi ultimi: il mercato è iper inflazionato mentre la domanda è ferma. L'Opec, cioè il cartello dei Paesi dei Paesi produttori, non sembra voler contrastare il crollo dei prezzi e, all'ultimo vertice di venerdì 4 dicembre, non ha varato alcun taglio della produzione. Una situazione di squilibrio che rischia di essere amplificata dalla riapertura del commercio con l'Iran che, con la fine delle sanzioni in seguito all'accordo sul nucleare, tornerà ad esportare. Ed è proprio dall'Iran che è arrivata la spinta a vendere.

Fonte: Il Sole 24 Ore ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]