Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in picchiata, Borse sotto pressione
15/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

A far cambiare rotta ai listini sono stati il settore minerario (-3,32%) e quello petrolifero (-2,56%) che hanno risentito della nuova ondata di ribassi che ha penalizzato il mercato delle commodities. Lo spunto ribassista lo ha offerto il prezzo del petrolio Wti sceso sotto i 35 dollari al barile per la prima volta dal 2009. Dietro la debolezza delle commodities in generale e del petrolio in particolare, che nell'ultimo anno e mezzo ha perso il 50% del suo valore, ci sono ragioni di carattere monetario e di fondamentali macroeconomici. Partiamo da questi ultimi: il mercato è iper inflazionato mentre la domanda è ferma. L'Opec, cioè il cartello dei Paesi dei Paesi produttori, non sembra voler contrastare il crollo dei prezzi e, all'ultimo vertice di venerdì 4 dicembre, non ha varato alcun taglio della produzione. Una situazione di squilibrio che rischia di essere amplificata dalla riapertura del commercio con l'Iran che, con la fine delle sanzioni in seguito all'accordo sul nucleare, tornerà ad esportare. Ed è proprio dall'Iran che è arrivata la spinta a vendere.

Fonte: Il Sole 24 Ore ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]