Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, sull’Opec torna l’incubo delle scorte
18/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le scorte di petrolifere hanno ricominciato a salire ovunque. L’Arabia Saudita, il più potente e influente tra i Paesi Opec, ha ormai segnato il cammino per i prossimi mesi: al vertice del 25 maggio bisognerà sancire una proroga dei tagli produttivi. L’alternativa è che il gruppo si spacchi, dando il via ad una nuova guerra dei prezzi, potenzialmente ancora più spietata di quella che si è appena conclusa. Il ministro del Petrolio dell’Arabia Saudita dichiara a BloombergTv che i ragli proseguiranno “se le scorte saranno ancora sopra la media degli ultimi cinque anni”. La riduzione delle scorte petrolifere è sempre stata indicata come lo scopo primario dell’azione dell’Opec e dei suoi alleati. Ma Al Falih non aveva mai preso posizione in modo così netto sul tema. L’obiettivo di ricondurre le scorte a livelli accettabili sembra però impossibile da centrare in brevi tempi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & mercati – Sissi Bellomo (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]

Il gas, economico e green, affossa il carbone

In nome dell’ambiente, ma anche dell’economia. Il ruolo del carbone nella generazione elettrica sta tramontando a una velocità senza precedenti in Europa
[leggi tutto…]