Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’Opec temporeggia ancora sui tagli e i prezzi tornano giù
22/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il greggio ha chiuso la settimana intorno a 46 dollari al barile. Gli operatori non hanno nessuna intenzione di farsi “abbindolare” dall’Opec che finora ha parlato tanto, ma agito poco. Secondo la prima valutazione del mercato dopo l’accordo di Vienna, ha mostrato che il livello di produzione mondiale è ancora sopra il limite prefissato. Nel dettaglio, nel mese di giugno, la produzione si è attestata a 32,6 milioni di barili al giorno rispetto ai 32,2 milioni barili giornalieri. I commodities trader stanno dunque tornando scettici rispetto all’efficacia dell’azione congiunta per ridurre l’accesso di offerta globale. Se la produzione di greggio dovesse rimanere agli attuali livelli probabilmente si andrebbe a erodere il surplus globale di 70 milioni di barili ma sarebbe comunque un obiettivo ben lontano rispetto al totale riassorbimento dell’eccedenza, che il cartello aveva previsto e prospettato al mercato.

Fonte: Milano Finanza – Red (pag. 58)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]