Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, Opec scettica sui tagli di produzione promessi dagli alleati
15/12/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Sul taglio della produzione di petrolio l’Opec non si fida fino in fondo delle promesse della Russia e degli altri dieci paesi esterni al gruppo che hanno promesso un contributo. Nel primo rapporto di previsione pubblicato dopo gli accordi di Vienna, l’Organizzazione degli esportatori di greggio continua ad aspettarsi estrazioni in aumento nel 2017 sia da parte di Mosca, la sua principale alleata, che del Kazakhstan. E avverte che i tagli di cui si è direttamente presa carico «non saranno sufficienti da soli ad eliminare del tutto l’eccesso di scorte». La conclusione suona come un appello alla lealtà: «Questo chiaramente enfatizza l’importanza del contributo dei produttori non Opec all’aggiustamento a supporto del ribilanciamento del mercato». Rispetto alla media degli ultimi 5 anni, ragionano gli economisti dell’Opec, ci sono 300 milioni di barili di scorte di troppo. Per toglierli di mezzo sarebbe necessario creare un deficit di offerta di 800mila barili al giorno, ma i soli tagli Opec - se prorogati per tutto l’anno - farebbero calare le scorte di appena 100mila bg in media nel corso del 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]